Scheda Film

Paese: USA 1997
Regia: Kathryn Bigelow
Durata: 145 min.
Data di uscita: 1 febbraio 1996
Rating IMDB: 7,2
Interpreti: Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis

Strange Days

di Kathryn Bigelow

In programmazione: 13/02/1997

Descrizione

James Cameron, la cui contiguità con Kathryn Bigelow andò ben oltre la breve esperienza matrimoniale, firma soggetto e sceneggiatura di Strange Days, traendo spunto dai tumulti
razziali scoppiati nel 1992 negli Stati Uniti, seguiti al pestaggio di Rodney King da parte di 4 poliziotti.
Los Angeles 30 dicembre 1999, ultimi momenti del 20° secolo.
La fine di un millennio di un mondo in rovina, in preda all’anarchia, duramente repressa dalle forze
dell’ordine.
Ambientato in un futuro metropolitano apocalittico per allora non molto lontano (evidenti i richiami con Blade Runner): un avvenire prossimo in cui una nuova droga, lo squid (che permette di vivere in prima persona esperienze altrui) soppianta quelle vecchie, con un effetto di assoluta sostituzione dell’io.
L’espediente del nuovo stupefacente in circolazione offre allo spettatore cinematografico l’impressione di percepire e vedere tutto in diretta.
Per ottenere questo effetto si utilizzò la soggettiva per rendere l’idea di veri e propri frammenti di vita consequenziali, stupri e omicidi, sensazioni parallele e amplificate di vittime e carnefici. Gli effetti dello squid sono mostrati fin dalla prima sequenza della morte in diretta di un rapinatore che precipita tentando di saltare da un palazzo a un altro per sfuggire alla polizia, fruita in replay da Lenny Nero (Ralph Fiennes) che testa la merce di cui è spacciatore.
La meta-visione del pubblico crea un corto circuito percettivo spiazzante e disorientante: chi
guarda cosa con gli occhi di chi? Questa estremizzazione del vouyerismo raggiunge l’acme nell’episodio dello stupro di una prostituta (la Bigelow è la prima regista donna a filmare una violenza sessuale).
Astratto e realistico, filosofico e carnale, estetico e mai estetizzante.
È il cinema di Kathryn Bigelow, troppo dotata nella messa in immagini. Sempre adrenalinico.
Tra conflitti e confronti.
Sempre oltre la tranquillizzante divisione tra i generi: quella primaria (maschile/femminile) e quella secondaria che coinvolge linguaggi, generi, stili, punti di vista mai totalizzanti e sempre discutibili.

Trailer

© 2017 Cinalci · p.i. 91005600795
Powered by IDEMEDIA®