Il circolo del cinema

 

Il circolo del cinema “CINALCI” nasce nel 1990 in un periodo difficilissimo per il cinema messo in crisi, fra l’ altro, dall’avvento sul mercato delle videocassette. Quell’anno, infatti, è caratterizzato dalla chiusura di centinaia di sale in tutta Italia. Crotone naturalmente non fa eccezione e delle cinque sale esistenti rimane in quell’anno soltanto lo storico “Cinema Teatro Apollo” la cui chiusura viene evitata da una mobilitazione popolare e dal successivo intervento del comune. In questo clima si inserisce l’iniziativa di un gruppo di persone appassionate di cinema che, non rassegnati a subire una situazione del genere, decidono di costituirsi in circolo intuendo l’esistenza di un potenziale pubblico interessato all’ iniziativa. L’intuizione si rivelerà giusta e il circolo nasce ufficialmente il 10 Ottobre dello stesso anno. Esso si costituisce come Ass. Culturale No-profit e aderisce alla U.I.C.C. (unione italiana circoli del cinema). Quest’ultima è infatti un associazione che riunisce i circoli del cinema di tutta Italia.

Fin dal primo anno il circolo riesce a fare iscrivere 400 persone che sono poi aumentate negli anni successivi fino a raggiungere il numero di 450. Ogni anno, da allora, viene organizzata una rassegna annuale di film della stagione in corso. Una rassegna però di film di qualità o, come più comunemente si dice, di film d’ autore. Gli “autori” sono coloro che inventano mondi e li popolano di storie. Ma soprattutto sono coloro che, nel corso degli anni, hanno contribuito all’evoluzione del linguaggio cinematografico.

Da più di un secolo il cinema in generale e gli autori in particolare ci aiutano ad affrancarci da chi insiste a raccontarci una sola storia e sempre quella (i film fotocopia) per farsi padrone dei nostri sogni e comandarci. Pertanto lo scopo del circolo è statutariamente la diffusione della cultura cinematografica attraverso la rappresentazione di film di qualità visti nel luogo ideale e cioè nella sala cinematografica. Quest’ultima, infatti, resta il luogo perfetto per vedere un film e come tale un “luogo sacro” che va preservato e protetto dai numerosi modi oggi esistenti per vedere un film (internet, telefonino, computer ecc..).

Si auspica perciò che i molti giovani curiosi di film di qualità non li cerchino nel web soddisfacendo così la loro fame di cinema in modo confuso e frammentario ma li scoprano nel luogo (sala cinematografica) che offre le condizioni ideali per la visione di un film.